Città Albanesi

TIRANA

Tirana è la capitale dell'Albania dal 1920. È una città relativamente nuova fondata nel 1614 di più da Sulejman Bargjini, signore feudale della zona in quel periodo. La città ha cominciato a espandersi all'inizio del XVIII secolo. Il nome "Tirana" si pensa provenga dalla parola "Theranda" menzionata nelle antiche fonti greche e latine. Probabilmente gli antichi abitanti del posto l’avevano chiamata “Te Ranat”, ovvero “materiale caduto”, in riferimento ai depositi che si trovavano sul terreno e che le acque avevano portato dalle montagne circostanti. Oggi Tirana non è solo la città più popolata dell’Albania, ma anche il maggiore centro politico ed economico del Paese. La montagna Dajti è vicina alla città e il mare Adriatico si può raggiungere in meno di un’ora di macchina. Un grande parco con un lago artificiale si trova nella zona sud della città.

Cosa visitare

  • La moschea di Ethem Bey

    situata al centro di Tirana fu costruita nel 1789, insieme con la Torre dell'Orologio (1830) riflette una parte importante della storia di Tirana.
  • I Ministeri

    hanno un grande valore architettonico. Sono stati costruiti nel corso dell'anno 1930, quando l'Albaniadi più era una monarchia costituzionale. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, molti altri edifici furono costruiti: il Palazzo della Cultura, il Palazzo dei Congressi, il Museo Storico Nazionale, il Centro di Cultura Internazionale, ecc.
  • Il ponte di Tabak

    si trova lungo la strada "Zhan Dark" e risale al secolo XVIII.
  • La fortezza di Petrela

    si trova a sud di Tirana sul lato destro della strada nazionale che collega la capitale con la città di Elbasan. Fu costruita nel Medioevo ed era sotto il comando della sorella di Scanderbeg, Mamica Castriota. Il Castello di Petrella era utilizzato per controllare la via Egnatia, il segmento Durazzo - Tirana, che a quel tempo aveva una particolare importanza. Questo castello fu anche parte del sistema di segnalamento e di difesa del castello di Kruja costituito da una serie di castelli che utilizzavano segnali di fuoco per comunicare tra loro.
  • La fortezza di Preza

    risale al secolo XV e fu costruita in posizione dominante di fronte alla montagna di Kruja. Questo castello è stato dichiarato "monumento culturale".
  • Cimitero dei Martiri

    vi si trova il monumento di "Madre Albania".
  • La tomba di Kapllan Pasha

    costruita nel 1814 in onore di Kaplan Pasha, che governò Tirana nel XIX secolo.
    Source: http://www.tirana.gov.al/?cid=2,22
  • Musei:

    • Museo Storico Nazionale
    • Museo Archeologico
    • Galleria di Belle Arti

VALONA

Valona è una città costiera. Non è solo uno dei principali porti dell'Albania, ma ha anche una grande importanza storica. Fu qui che nel 1912 fu convocata l'Assemblea per annunciare l'Albania come stato indipendente e fu costituito il primo governo nazionale diretto da Ismail Qemali. Valona divenne la prima città capitale dell’Albania indipendente.

Si possono conoscere i dettagli di questo evento visitando il Museo dell'Indipendenza. Dalla collina che sovrasta la città, dove si trova il luogo di culto "Kuzum Baba", si può vedere la spiaggia e il panorama di tutta Valona.

Cosa visitare

  • Museo Etnografico

  • Museo Storico

  • Il Museo dell'Indipendenza

  • Castello di Kanina

    si crede sia stato eretto nel III secolo a.C.
  • Apollonia

    rappresenta uno dei siti archeologici più importanti dell'Albania. Una delle cose più interessanti da vedere è il magnifico muro di Agonothetes, risalente al II secolo a.C.
  • Monastero di Pojan

    non è lontano dall’antica città di Apollonia, ed è famoso per la splendida Cappella di Santa Maria. Fu ricostruito per volere dell’imperatore bizantino Andronico Paleologo Il Secondo.
  • Moschea Muradie

    è una moschea in stile sultano, con una cupola che è stata costruita nella seconda metà del XVI secolo.di più La progettazione e la costruzione di questa moschea sono state fatte da Sinan, un architetto di origine albanese, che è stato uno dei grandi costruttori di moschee durante l'Impero Ottomano.
  • Oricum

    è un’antica città della quale rimangono diversi resti archeologici, ad esempio pezzi di un'orchestra, un piccolo teatro che poteva accogliere fino a quattrocento spettatori seduti, resti di mura e strade che si vedono chiaramente, anche se sono sotto l'acqua della laguna, e la Chiesa Marmiroi che risale al periodo
  • Il Castello di Porto - Palermo di Ali Pasha.

    è un piccolo castello situato su una bella penisola nella piccola baia tettonica di Porto Palermo. di più Fu costruito da Ali Pasha in onore di sua moglie Vasiliqi.
  • Chiesa di S. Stefano, Monastero, Chiesa di Panajia (Dhërmi).

    il villagio di Dhermi risale almeno al primo secolo a.C. e aveva 31 chiese. Le icone della chiesa di S. Stefano sono state dipinte sul XVIII secolo. La chiesa diventa luogo di pellegrinaggio ogni 15 di agosto, quando si officiano riti religiosi nel giorno della Vergine Maria.
  • Tra Tirana e Valona si trova il distretto di Fier che include diversi luoghi storici di grande interesse. I più importanti sono:

    • Museo Storico di Fier
    • Sito archeologico di Bylis, nel villaggio di Hekal

BERAT

È conosciuta come la "città delle mille finestre" ed è classificata come città-museo. di più Su una collina che sovrasta la città sorge il castello: all'interno delle sue mura le case sono ancora abitate e vi si trova il "Museo Onufri”, nel quale sono esposti dipinti e icone di pittore albanesi. La parte vecchia della città conserva alcuni edifici religiosi come chiese e moschee.

Cosa visitare

  • Il museo Iconografico “Onufri”

  • Il Museo Etnografico

  • Il Castello di Berat

    è una fortezza che domina la città. Ci sono quattordici chiese all'interno del castello che lo hanno reso molto famoso. di più Una di esse è la Chiesa di San Triadha che risale alla fine del Duecento e l’inizio del Trecento. Al suo interno si trovano molti affreschi interessanti. Dietro la Chiesa di San Todri, ci sono le chiese di San Kolli, San Costantino, S. Elena, S. Maria Vllaherna, e altre.
  • Le rovine della Moschea bianca.

    le sue mura interne si trovano all'interno del castello di Berat e furono costruite sulle fondamenta delle mura illiriche, con ricostruzioni successive in stile bizantino e ottomano.
  • La Chiesa di San Mehilli, (Michael)

    è conosciuta per la combinazione di tecniche di costruzione europee e bizantine.
  • La Chiesa di San Triadha (Trinità).

    secondo alcune ipotesi la cappella sarebbe stata costruita sulle rovine delle fondamenta di un tempio pagano dedicato alla dea Artemide, da cui deriva anche il nome attuale “Ardenicë”.

DURAZZO

porto principale e seconda città più grande d'Albania. di più Fu fondata da coloni provenienti da Corinto e Korkyra nel 627 a.C. Il suo nome era Epidamno e solo più tardi divenne Durazzo. La testimonianza storica più importante è l'anfiteatro, situato al centro della città moderna, il più grande dei Balcani con 15.000 posti a sedere, risalente al II secolo a.C. e che contiene una rara cripta paleocristiana con un mosaico parietale. Tra il I e il III secolo Durazzo fu un importante porto e centro commerciale lungo la Via Egnatia, tra Roma e Byzantuim (Istanbul). A seguito di numerosi terremoti, la maggior parte dell’antica Durazzo sprofondò nel mare o crollò. Fu ricostruita in seguito sulle sue stesse rovine. Oggi la città è ben nota per le sue spiagge sabbiose e le calde acque del mare.

Cosa visitare

  • Il Museo Archeologico

  • L'Anfiteatro

  • Foro bizantino

  • Torre veneziana

    (piccolo castello aperto come bar)
  • Mura della città antica

  • Il Salone della cultura popolare

  • Il mosaico del villaggio Arapaj

    (può essere aperto solo con un permesso speciale)

KRUJA

Kruja è una città medievale vicino a Tirana. Il nome di Kruja è strettamente collegato con il di più nome dell'eroe nazionale, Giorgio Kastriot Skanderbeg, che ha combattuto per 25 anni contro gli Ottomani, difendendo la civiltà europea dalla loro minaccia nel XV secolo. Il castello si trova in un posto di rilievo strategico vicino alla città, e ospita all'interno il Museo Scanderbeg (Museo Nazionale). Sulla strada per il castello si trova un bazar medievale.

Cosa visitare

  • Museo di Gjergj Kastriota Scanderbeg

  • Museo Etnografico

  • Sito archeologico di Albanopoli, nel villaggio di Zgerdhesh

  • Bazar tradizionale

KORCA

È la più grande città del sud est dell'Albania. È situata ai piedi del Monte Morava su un altopiano a 800 metri s.l.m. Nel XVIII secolo divenne un centro importante per i commerci e l’artigianato per via dello sviluppo degli scambi con le regioni vicine. A Korça si trova anche il museo di Arte Medievale che rappresenta la cultura spirituale e materiale del popolo albanese. Ci sono anche il Museo dell’Educazione, dove nel 1878 fu aperta la prima scuola albanese e il nuovo museo delle "Collezioni Bratko" con antichità provenienti dall’Oriente.

Cosa visitare

  • Il Museo di Arte Medievale

  • La Galleria "Grande pietra"

  • Il Museo "Bratko"

  • Il Museo Nazionale dell’Educazione

  • Il Museo Archeologico

  • La Valle delle lacrime

    (un luogo da cui partivano gli emigranti e dove le giovani donne versavano le loro lacrime per gli uomini che andavano via)

POGRADEC

Pogradec è una delle località turistiche più affascinanti dell’Albania per via della sua posizione sul lago di Ohrid, il quale si distingue per le acque chiare e la vista sulle montagne. Il pesce Corano, simile alla trota, si trova in questo lago. Oltre a poter godere della bella spiaggia, il vostro soggiorno a Pogradec può essere reso più interessante con una gita al centro turistico in Driloni (5 km verso est), circondato da piante e alberi ornamentali.

Cosa visitare

  • I mosaici di Lin

    , nel villaggio di Lin a nord di Pogradec
  • Le fonti di Drilon

  • Le tombe monumentali di Selca e Poshtme

    , nel villaggio di Selca
  • Il Ponte Goliku

    sulla vecchia Via Egnatia.

GJIROKASTRA

È una delle città più importanti del sud dell'Albania ed è stata dichiarata "Città Museo". È costruita sul pendio di una montagna ed è conosciuta per le sue strade caratteristiche pavimentate in pietra. Le case hanno la forma di torri medievali e creano edifici complessi con un’architettura caratteristica. Il castello della città si affaccia come un balcone su di essa consentendo ai visitatori di ammirare un paesaggio molto bello. All'interno del castello si trova il Museo Nazionale delle Armi che espone armi utilizzate in Albania sin dai tempi antichi e materiale bellico della I e II Guerra Mondiale.

Cosa visitare

  • Il Museo delle Armi

  • Il Museo Etnografico

    noto come la casa natale dell'ex dittatore Enver Hoxha. Attualmente è visitato da molti turisti interessati alla tradizione albanese, alla cultura e all'etnografia.
  • Il Castello di Gjirokastra

    è una grande fortezza in una fantastica posizione, che domina tutta la valle del Drino. La sua costruzione continuò per diversi secoli e solo nel XII secolo prese la forma di un castello. di più All'uscita del castello, i visitatori possono passeggiare a piedi lungo una strada su entrambi i lati della quale sono ci 200 case di pietra;
  • La moschea di Pajazut Khan

    è posizionata all'interno del castello. A nord c'è invece il mercato vecchio, chiamato "mercato del Castello".
  • La Chiesa di Labova e Kryqit

    ,nel villaggio con lo stesso nome;
  • Il sito archeologico di Antigonea

    nel villaggio di Saraqinisht;
  • Le rovine del sito archeologico di Adrianapol

    nel villaggio di Sofratike.

SARANDA

Saranda è la città più meridionale dell'Albania. Di fronte a essa si trova l’isola di Corfù. Saranda è oggi la citta più visitata soprattutto da turisti giornalieri che vengono a godere di questo centro turistico un tempo difficilmente raggiungibile. Si tratta di uno dei luoghi più turistici in Albania ed è scelto spesso come meta per la "luna di miele". Vicino a Saranda ci sono le rovine dell’antica città di Butrint e la fonte dell’ “occhio azzurro”.

Cosa visitare

  • Museo Etnografico

  • Il Museo archeologico di Butrint

  • Le rovine della antica città di Saranda in Onhezmi;

  • Il monastero di Mesopotam

    si trova a sud di Finiq. In passato, era un tempio pagano. Si tratta di una delle chiese più grandi e antiche del suo periodo. Le sue icone raffigurano prevalentemente mammiferi e quadrupedi. Nella sala principale c’è un mosaico che rappresenta un drago con le ali aperte. I visitatori possono vedere i resti delle antiche mura che circondano il monastero con sette torri quadrangolari. Queste mura sono anteriori alla chiesa.
  • Il Castello quadrangolare di Butrinto.

    Questo piccolo castello di Ali Pasha Tepelena fu costruito nell 1807-1808 ed è situato su un promontorio verso il mare. Fu costruito per impedire ai Francesi di prendere Butrint dalla loro base a Corfù.

SCUTARI

È una delle città più importanti del nord - ovest del Paese. Si trova vicino al lago che porta lo stesso nome e lungo la strada che porta in Montenegro. È un’antica città con una storia ricca. Conserva vecchie case caratteristiche costruite in legno e decorate con motivi tradizionali. Vicino alla città si trova il castello di Rozafa, costruito su una collina rocciosa da cui si può godere un bel panorama. Durante il vostro soggiorno potete visitare il Museo Storico della città. Scutari è un buon punto di partenza per iniziare il vostro viaggio verso le Alpi albanesi.

Cosa visitare

  • Il museo storico

    con numerose sezioni di archeologia, storia ed etnografia. Possiede anche una propria biblioteca con un numero considerevole di libri albanesi e stranieri, circa 15.000 titoli. La biblioteca è una grande fonte per gli studenti di Albanologia
  • Il castello di Rozafa

    si trova su una collina rocciosa a ovest di Scutari. Secondo la leggenda, tre fratelli stavano costruendo un castello ma ogni mattina, al loro risveglio, scoprivano che il lavoro fatto il giorno precedente era distrutto. Rozafa, la moglie del più giovane dei tre fratelli, accettò di essere sepolta viva nei muri del castello poiché questo era l’unico modo in cui esso sarebbe rimasto in piedi. All'ingresso del castello si può vedere il bassorilievo di Rozafa. Secondo la fantasia popolare, l'acqua di calce che cade all'ingresso principale è il latte che esce dal petto di Rozafa, al quale era stato lasciato un seno scoperto dalle mura per poter allatare il suo bambino appena nato.
  • Museo del Castello di Rozafa

    spiega i vari periodi della vita del castello
  • La moschea di piombo

    è un famoso monumento culturale nella città di Scutari costruito nel 1773 nello stile della Moschea Blu di Istanbul.
  • La Chiesa di Shirgji

    si trova a 20 km dalla città di Scutari, vicino al villaggio di Obot. È costruita in stile romanico-gotico. La chiesa Shirgji era una delle chiese preferite dei principi albanesi e montegrini ed è stata particolarmente utilizzata per le cerimonie nuziali
  • Il Ponte Mesi

    si trova a circa 8 km da Scutari, sul fiume Kir. C’erano tre ponti sul fiume, ma solo questo è sopravvissuta fino a oggi. Il ponte di Mesi è considerato un “monumento culturale”
  • Le rovine illiriche di Gajtan

  • Le rovine della città medievale di Sarda

    si trovano in un'isola del lago artificiale di Vau i Dejes, costruita nel 1971 in una località molto pittoresca. Tra i resti ci sono le mura di difesa, le rovine della chiesa e il cancello del palazzo Dukagjini.

Sulla strada da Tirana a Scutari, nella città di Lezha è interessante visitare il memoriale dedicato al luogo di sepoltura dell’eroe nazionale albanese, Scanderbeg.